Pillole 2.0 – Il Responsive Web Design

Grazie alla diffusione capillare di dispositivi mobili (tablet e smartphone) “always on”, a spese dei device tradizionali (desktop e laptop), ha preso sempre più piede il cosiddetto Responsive Web Design (RWD), la tecnica di web design per la realizzazione di siti web in grado di adattarsi graficamente in modo automatico al dispositivo con il quale vengono visualizzati.

Leggi tutto… Pillole 2.0 – Il Responsive Web Design

Visite: 112

Scuola, basta col mito delle competenze digitali: stiamo dimenticando la cosa più importante

di Alessandro Bencivenni (Docente, Animatore Digitale, formatore)
Per recuperare il gap nei confronti degli altri paesi europei si parla insistentemente di competenze digitali, ma il rischio per docenti e studenti è quello di affogare nel digitale, senza davvero comprenderlo. Obiettivo della Scuola è invece formare cittadini consapevoli, attivi e che abbiano spirito critico

Leggi tutto… Scuola, basta col mito delle competenze digitali: stiamo dimenticando la cosa più importante

Visite: 554

Scuola digitale, mancano wifi e banda larga. E tra Nord e Sud c’è un abisso

Corriere della Seradi Valentina Santarpia
I device non mancano, anzi sono praticamente raddoppiati rispetto a 12 mesi fa…
Il problema vero riguarda la connessione. Il 33% degli studenti non riesce a connettersi dalla propria scuola, il 31% deve accontentarsi di una connessione via cavo LAN, cioè «fisica», il 13% deve accontentarsi della connessione presenti in alcune aree comuni della scuola, perché il wifi non è abbastanza potente da coprire tutto l’istituto. Tra l’altro a una velocità che il 16% giudica scadente e il 26% discreta.

Leggi tutto… Scuola digitale, mancano wifi e banda larga. E tra Nord e Sud c’è un abisso

Visite: 97

Scuola senza voti è realizzabile in una società che ci giudica sempre?

La Tecnica della Scuoladi Alvaro Belardinelli
Niente verifiche orali e scritte, niente stress da prestazione, né competizione tra gli alunni, né trucchi per copiare il compito dal compagno “bravo” (o da internet).
Ci sarà solo la valutazione finale, orientata in modo da valorizzare le capacità dei 41 alunni i cui genitori hanno aderito alla sperimentazione.
Così i bambini cresceranno insieme senza traumi, diverranno amici, impareranno come fosse un gioco e non dimenticheranno più quanto hanno imparato.

Leggi tutto… Scuola senza voti è realizzabile in una società che ci giudica sempre?

Visite: 51