Lo smartphone della discordia, una ricerca avverte: genitori e figli separati da “un attimo”

RaiNewsAnche un attimo può essere ‘fatale’. “Un attimo” infatti è proprio la risposta che viene data dal 38% delle mamme e dei papà, mentre sono intenti a smanettare con lo smartphone, ai figli che chiedono le loro attenzioni.
“Ma questo atteggiamento dei genitori fa sentire i figli non considerati, possono percepirlo come una disconferma, ossia un ‘allora io per te non esisto, non valgo la tua attenzione’ e indurli a ritirarsi lentamente in loro stessi”. Lo dice Giuseppe Lavenia, psicologo e presidente dell’Associazione Di.Te.

“Si tratta di incoerenza digitale – sostiene Lavenia – se i ragazzi riescono a fare più cose contemporaneamente, magari in modo approssimativo ma le fanno, i grandi quando sono concentrati sui loro schermi, difficilmente prestano attenzione ad altro”.

Ma i ragazzi piegati sullo smartphone non sono da meno quando rispondono ai genitori che chiedono la loro attenzione.

Leggi l’articolo integrale

Visite: 85