Scuola, i dati degli scrutini: alla secondaria di II grado il 22,4% degli studenti deve recuperare almeno un’insufficienza. Nel I grado aumentano i promossi

MIUR
Meno bocciati agli scrutini di giugno nella scuola secondaria di II grado, ma aumentano studentesse e studenti che devono recuperare almeno una insufficienza per essere ammessi alla classe successiva.

Nei Licei il picco dei promossi, con il 76,7% del totale degli alunni. Una percentuale che è del 64,1% negli Istituti professionali e del 63,7 negli Istituti tecnici. Umbria (con il 78,2%), Calabria (con il 77,6%) e Puglia (77,3%) risultano essere le regioni con la più alta percentuale di alunni che hanno superato l’anno scolastico. Sardegna e Lombardia quelle con la più bassa.

Vai alla pagina

Visite: 120

Piano nazionale per l’educazione al rispetto

https://www.noisiamopari.it/
Il “Piano nazionale per l’educazione al rispetto” è finalizzato a promuovere nelle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado un insieme di azioni educative e formative volte ad assicurare l’acquisizione e lo sviluppo di competenze trasversali, sociali e civiche, che rientrano nel più ampio concetto di educazione alla cittadinanza attiva e globale.

Leggi tutto… Piano nazionale per l’educazione al rispetto

Visite: 271

Competenze scolastiche di base: le più importanti per capire il digitale

di Maurizio Gentile, Università degli Studi “Unitelma Sapienza”
Come dimostrato dai risultati dell’indagine OCSE-PISA, le competenze di base sono quelle più utili per l’apprendimento online.
Per ridurre la distanza tra scuole ad alto e basso potenziale digitale, è necessario ridurre, prioritariamente, il divario nelle competenze di base. Adeguati livelli in lettura, matematica e scienze riflettono una pre-condizione sufficiente per favorire lo sviluppo equo delle abilità di apprendimento online. Leggi tutto… Competenze scolastiche di base: le più importanti per capire il digitale

Visite: 473

Provato Codecademy, la piattaforma (gratis) per imparare a programmare

nòva - Il Sole 24 Oredi Attualità Nòva24 Tech (Il Sole 24 Ore)
Ma come funziona in concreto la piattaforma? Innanzitutto si può scegliere tra diversi linguaggi di programmazione: Phyton, Java, Javascript (jQuery, AngularJS, React.js), Ruby e Sql, senza dimenticare popolari linguaggi di markup come Html, Css e Sass.

Leggi tutto… Provato Codecademy, la piattaforma (gratis) per imparare a programmare

Visite: 84

«Le App educative non servono ma non sono dannose, meglio un libro»

Corriere della Seradi Caterina Belloni
La conclusione: i giochi educativi online non hanno i benefici sperati. Peccato, spiegano i ricercatori: perché si tratta di un’occasione sprecata. Nel senso che con i loro colori, suoni ed effetti visivi le app potrebbero davvero diventare uno stimolo. Nella maggior parte dei casi, invece, non succede.

Leggi tutto… «Le App educative non servono ma non sono dannose, meglio un libro»

Visite: 145