Smartphone: adesso Apple, Google e Facebook consigliano di disintossicarsi un po’

nòva - il sole 24 OREdi ATTUALITÀ NÒVA24 TECH (Il Sole 24 Ore )
Passare troppe ore allo smartphone è un problema vero e ricorrente. Tanto che se ne sono accorti anche i protagonisti principali di questa tendenza: i produttori di App e sistemi operativi mobile. Quasi assaliti da un incontenibile senso di colpa, o forse semplicemente preoccupati di un fenomeno sociale irrefrenabile, i big della tecnologia stanno spingendo il piede sulla disconnessione.

Leggi tutto… Smartphone: adesso Apple, Google e Facebook consigliano di disintossicarsi un po’

Visite: 78

Scuola, dove “nascono” i diplomati con 100 e lode? Il senso dell’esame di maturità

nòva - il sole 24 OREdi Data Journalism Infodata
Quanto ai 100 e lode, la differenza massima è quella che passa fra studenti lombardi e pugliesi.
Ma i voti della maturità rispecchiano davvero la bravura degli studenti? C’è ragione di dubitarne.
Rispetto agli esami di stato, le prove INVALSI mostrano un quadro completamente diverso.

Leggi tutto… Scuola, dove “nascono” i diplomati con 100 e lode? Il senso dell’esame di maturità

Visite: 1504

Il digitale a scuola? Non rovina scrittura e lettura. Ma tutto dipende dall’insegnante

nòva - Il Sole 24 OreTablet e pc rappresentano un valido supporto per l’apprendimento? Oppure i device digitali hanno conseguenze negative in termini di dipendenza e di passività, soprattutto in età evolutiva?

Leggi tutto… Il digitale a scuola? Non rovina scrittura e lettura. Ma tutto dipende dall’insegnante

Visite: 64

La rete è partecipazione

Nòva - Il Sole 24 Oredi Michelangelo Baracchi Bonvicini
“Riconoscere una fake news, o semplicemente sapere che esistono cose come le fake news, è una parte importante del pensiero critico indispensabile per uno studente” ha osservato alcuni giorni fa il direttore per l’educazione dell’Ocse, Andreas Schleicher.

Leggi tutto… La rete è partecipazione

Visite: 98

A scuola si insegnerà come riconoscere le fake news. Lo dice l’Ocse

di Guido Romeo
Così dall’anno prossimo, il temutissimo test Pisa somministrato regolarmente ai ragazzi di 15 anni di 72 paesi per valutarne non solo le conoscenze in matematica e scienza, ma anche le capacità di lettura e comprensione di un testo – l’Italia è 34ima su questo fronte -, includerà anche prove sulla capacità di riconoscere una bufala.

Leggi tutto… A scuola si insegnerà come riconoscere le fake news. Lo dice l’Ocse

Visite: 62