Olimpiadi di Problem Solving – A.S. 2016/2017

http://www.olimpiadiproblemsolving.it/

Il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca – Direzione Generale per gli ordinamenti Scolastici e la valutazione del sistema nazionale d’istruzione – promuove per l’anno scolastico 2016-2017, le competizioni di informatica denominate “Olimpiadi di Problem Solving” (di seguito OPS), rivolte agli alunni della scuola dell’obbligo.

(Prot. 11814 del 26-10-2016)

Visite: 1589

Il pensiero computazionale a scuola

Programma il Futuro

Terza annualità dell’iniziativa “Programma il Futuro”: insegnare in maniera semplice ed efficace le basi dell’informatica

La principale novità è data dalla disponibilità di materiale didattico indirizzato in modo specifico alle scuole secondarie di secondo grado, ed utilizzabile anche nel contesto dei programmi di alternanza scuola-lavoro.
Inoltre, mantenendo la distinzione tra modalità base e modalità avanzata di partecipazione, l’offerta didattica quest’anno si struttura in modo più ricco.

(prot. 10844 del 27-09-2016)

Visite: 427

Europe Code Week 2016 – La settimana della programmazione

Dal 15 al 23 ottobre 2016 si svolge la settimana europea della programmazione, Europe Code Week, arrivata alla quarta edizione. Nel corso della settimana si svolgeranno migliaia di eventi in ogni parte d’Europa per offrire a giovani e giovanissimi l’opportunità di iniziare a programmare!
La programmazione è il linguaggio delle cose. Gli oggetti che chiamiamo smart contengono un microprocessore che aspetta solo di essere programmato. Programmare è il modo più semplice per realizzare le nostre idee e il pensiero computazionale stimola la creatività e ci aiuta ad affrontare e risolvere problemi di ogni tipo.

Leggi tutto… Europe Code Week 2016 – La settimana della programmazione

Visite: 1002

Gli studenti dell’era digitale: automi o pensatori critici?

Il Fatto Quotidianodi Enrico Nardelli, Professore universitario di Informatica
Il termine “pensiero computazionale”, dopo essere stato ufficialmente accettato nel mondo giuridico con la pubblicazione della legge 107/2015 (“La Buona Scuola”) è entrato anche nella pratica didattica col Piano Nazionale Scuola Digitale (PNSD), che ha riconosciuto attività di questo tipo come essenziali per la formazione degli studenti nell’era digitale.

Leggi tutto… Gli studenti dell’era digitale: automi o pensatori critici?

Visite: 201