La lettera dell’insegnante: “Ho rifiutato l’assunzione a scuola, non insultatemi”

la RepubblicaQuale lavoratore, dopo 15/20 anni di precariato, accetterebbe che un computer stabilisse dove deve andare a sopravvivere con mille euro al mese, andando a svolgere, per di più, mansioni ad oggi non definite e sicuramente diverse da quelle per cui ha studiato e lavorato?


Leggi l’articolo integrale

Visite: 1459