Scuole superiori, il 55% dei ragazzi sceglie il liceo. Troppo spesso senza ascoltare i consigli dei professori

Hanno scelto bene? Soprattutto la scelta dei ragazzi, anzi frequentemente dei loro genitori, ha tenuto conto delle prospettive occupazionali oppure è stata guidata dalla passione per alcune materie piuttosto che per altre?
In ogni caso la scelta, qualunque essa sia, comporta un rischio. Se il fine ultimo è quello dell’inserimento nel mondo del lavoro.

Il problema è però, forse, un altro. Ad esempio, chiedersi in quale percentuale le iscrizioni abbiano tenuto conto dei suggerimenti offerti dai professori delle scuole medie.

Scuole superiori, il 55% dei ragazzi sceglie il liceo. Troppo spesso senza ascoltare i consigli dei professori

Il problema è però, forse, un altro. Ad esempio, chiedersi in quale percentuale le iscrizioni abbiano tenuto conto dei suggerimenti offerti dai professori delle scuole medie.

Consiglio, quello dei docenti, che nasce da una conoscenza generalmente affinata nel corso del ciclo triennale di studi. Conoscenza che si basa sulla capacità degli insegnanti di osservare ben oltre i risultati ottenuti dagli alunni. Perché i professori, la gran parte di loro, sanno fare anche questo. Guardare in prospettiva. Saper scorgere tra le pieghe del presente quel che potranno (oppure potrebbero) essere i loro ragazzi.

il Fatto Quotidiano

Quante delusioni in tanti casi sarebbero evitate, se quei consigli fossero valutati. Quanto tempo risparmierebbero tanti ragazzi, se decidessero di iscriversi seguendo davvero le loro inclinazioni. Anche perché la scuola superiore non è la scuola media. Cambiano le attese, si trasformano le richieste. E i professori lo sanno. La verità è che sarebbe necessario avere più fiducia negli insegnanti.

Visite: 743