Dpcm e scuola, è ora di rendersi conto che gli studenti hanno bisogno di informazioni chiare

Il punto è questo: nell’ormai inevitabile decisione di applicare misure drastiche per contrastare la pandemia, si è scelto di salvare la scuola. Ma per farlo in questo clima e con queste tempistiche si è deciso di creare una situazione frammentata che in meno di 24 ore stravolgerà le lezioni di tutta Italia. Una scelta basata su due elementi: i più giovani si ammalano di meno e la salvaguardia della scuola in presenza è una priorità per il governo.

Dpcm e scuola, è ora di rendersi conto che gli studenti hanno bisogno di informazioni chiare

Infine, la situazione è complicata dalle ordinanze regionali che hanno già portato la didattica a distanza al 100% anche per le medie e che ora gli studenti non sanno come interpretare.

Ma questi dettagli non li sta comunicando nessuno ai ragazzi, così come a marzo le comunicazioni non sono mai state chiare e trasparenti.
Sarebbe stato più utile chiarire cosa succederà da domani in tutte le scuole, soprattutto quelle nelle zone rosse: gli studenti dovranno andare?

Visite: 224

 giovedì 5 Novembre - 2020
Scuola
, , , ,