Covid e scuola: contagi e dibattito sulla riapertura a gennaio. La situazione in Italia

“Credo che sia ancora presto per dire se potremo o no riaprire completamente le scuole, anche le superiori” dopo le feste natalizie, perché “l’incidenza dei casi è ancora molto elevata e finché non abbassiamo l’incidenza è difficile parlare di riapertura delle attività”, ha detto il direttore della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, nella conferenza stampa sull’analisi della situazione epidemiologica.

https://static.sky.it/images/skytg24/it/cronaca/2020/11/29/scuola-tempo-pieno/6-scuola-ansa.jpg

“Il livello di contrapposizione ideologica che si è sviluppato intorno al tema dell’apertura/chiusura delle scuole in pandemia non è tollerabile in un momento così delicato”, scrive intanto su Facebook l’assessore alla Salute della Regione Puglia, Pierluigi Lopalco. “Affermare tout-court che ‘la scuola è sicura’ è un atteggiamento tanto stupido, quanto stupido è attribuire alla chiusura delle scuole un ruolo salvifico”.

https://static.sky.it/images/skytg24/it/salute-e-benessere/2020/12/11/scuola-dad-alimentazione-consigli/12_dad-alimentazione-fotogramma.jpg

La riapertura delle scuole al 7 gennaio è “un casino. Davvero. La scuola merita tentativi di riaprire più decisi e da questo deriva lo sforzo organizzativo non da poco che si sta provando a fare. Ma oggi fatico a immaginare come si possano strutturare i sistemi di trasporto e gestire tutti i passaggi con dei protocolli”, è l’avviso di Fabrizio Pregliasco, virologo dell’Università Statale di Milano.

Visite: 5

 venerdì 18 Dicembre - 2020
Scuola
, , ,