Libri digitali da rifare: gli studenti li devono poter modificare!

Si consideri che solo per accedere ai libri digitali molti genitori hanno chiesto aiuto ai docenti o ad altri genitori, perché l’operazione non sempre risultava intuitiva.
Ponendo la disponibilità in casa della presenza di un adulto, sufficientemente istruito dal punto di vista informatico … si pone un problema ancor più serio: libro digitale si rivela essere semplicemente un libro sfogliabile!

education 2.0

Mi chiedo allora come possano gli studenti, di ogni ordine e grado, riuscire a utilizzare i libri se poi non vi possono eseguire gli esercizi? Scrivere appunti? Correggere gli elaborati? Insomma, il governo richiede la Dad e la DDI (Didattica Digitale Integrata) alle scuole, alle famiglie e agli studenti ma non ha richiesto agli editori di adattare i libri affinché fossero davvero un supporto tecnologico per il sistema di istruzione italiano.

Chiediamo al governo di intervenire e chiedere a gran voce agli editori di sostenere – con investimenti reali e immediati – l’enorme sforzo che il popolo della scuola sta affrontando per continuare a insegnare e apprendere, per mantenere alta la motivazione di docenti e alunni, per arginare il fenomeno dell’abbandono scolastico e per promuovere l’inclusione.

Visite: 86