Azzolina: “Perché l’aperitivo sì e a scuola no?”

Secondo Azzolina, “si chiude prima la scuola perché socialmente è stata messa nel fondo dello sgabuzzino. Devono spiegarmi perché, dove è quasi tutto aperto, gli studenti al pomeriggio possono andare a prendere l’aperitivo, mentre non possono andare in classe con la mascherina, l’igienizzante e i banchi separati. Il punto è culturale, non sanitario”.

Perché l'aperitivo sì e a scuola no?

“Rispetto l’opinione di tutti ma non si può usare la scuola come terreno di scontro politico. Devono capire che la scuola è un’ancora di salvezza per famiglie disagiate – prosegue Azzolina – e se condannano migliaia di studenti all’abbandono, se ne assumeranno la responsabilità”.

Quanto alla proposta di vaccinare i docenti, Azzolina osserva che “il governo e il commissario Arcuri stanno facendo un ottimo lavoro. Il piano lo ha deciso la Salute e si prevede che in una prima fase si vaccinino i sanitari e i nostri nonni. Dopo ho chiesto e ottenuto che tocchi al personale scolastico”.

Visite: 310