Scuola, i sindacati: “I prof no vax pagati per non lavorare”

E’ polemica sul rientro al lavoro dei prof no vax, i quali possono ora sì accedere agli istituti con il solo tampone, ma senza entrare a contatto con gli studenti.
Anche perché la platea interessata è rilevante: sono circa 4 mila i prof non vaccinati ed alcuni sindacati parlano di un totale di 10 mila persone che hanno scelto di non vaccinarsi nella scuola, comprendendo personale Ata e di segreteria.

https://www.rainews.it/cropgd/806x460/dl/img/2022/03/27/1648365788279_edcaaaecfedde.jpg

Anche la Federazione lavoratori della conoscenza Cgil fa notare che i fondi necessari per pagare i supplenti dei no vax “vengono sottratti dal fondo di istituto: si prendono cioè alle scuole. E questo senza tener conto che tali risorse sono già state oggetto di programmazione didattica e di contrattazione, e dunque già impegnate per altre attività”. 

Per la segretaria generale Cisl ScuolaIvana Barbacci, è “un provvedimento ambiguo e quasi impraticabile”, che “rischia di creare problemi e disparità di trattamento tra il personale che si è regolarmente sottoposto alla vaccinazione, in molti casi non a cuor leggero, e chi invece non lo ha fatto. Credo poi che occorra considerare con grande attenzione la situazione dei lavoratori fragili, per i quali non sono prorogate le norme di tutela, pur in un contesto di contagi che non calano, anzi tendono ad aumentare. Inaccettabile infine – conclude – che i 14milioni per pagare i supplenti del personale utilizzato in altri compiti siano sottratti alle risorse contrattuali destinate alla valorizzazione dei docenti”. 

Visite: 197