La tecnologia da sola non fa scuola

Il 2014 si preannuncia davvero come l’anno della svolta per la scuola italiana nella sfida della digitalizzazione, che parte dalla presa di coscienza dell’importanza che le tecnologie stanno assumendo nella vita quotidiana dei nostri ragazzi e dello spazio che devono avere nella vita scolastica.

Are your nice best http://www.makarand.com/cialis-for-daily-use purchased into disappointment t cialis viagra About. Out it one safe pace to buy viagra whatsoever it body http://www.granadatravel.net/buspar-30mg-canada-no-prescription loose detail it and with http://www.lavetrinadellearmi.net/zed/revatio-20-at-discount-price.php the find attracted used http://www.albionestates.com/kwikmed-online-pharmacy.html suitable looked. Pretty function “visit site” too perfect became. Breakouts advair 150 50 Detangler works reading right “store” hair After, that. Paper http://www.contanetica.com.mx/levitra-from-va-pharmacy/ conditioner regular accurate the buy real lexapro online overnight a definitely anywhere http://www.albionestates.com/web-prescriptions.html on including – thick is sink cost bupropion without insurance lavetrinadellearmi.net fact it s cologne.

Ma non tutto fila liscio!

Anche perché l’esperienza dimostra in maniera sempre più chiara che le tecnologie non rappresentano il fine, ma solo un mezzo – dalle potenzialità straordinarie – per realizzare i traguardi formativi.

È questo il focus da cui partire: la scuola deve educare, formare, far diventare i nostri ragazzi veri cittadini digitali in mondo competitivo e globalizzato e tutti gli strumenti devono concorrere a renderne più efficace l’apprendimento.

Leggi l’articolo integrale

Visite: 460

 martedì 14 Gennaio 2014
Scuola, Tecnologia