Peeple, l’app recensisce le persone come fossero alberghi su Tripadvisor

Corriere della Seradi Alessio Lana
Dopo un anno di gestazione, Peeple è sbarcata su iOS con la sua idea innovativa e carica di interrogativi…
Come se fossimo un ristorante, una discoteca o un cellulare, anche noi umani con Peeple diventiamo oggetto delle opinioni altrui, con recensioni dettagliate che indicano se e quanto siamo bravi oppure quali sono le nostre carenze.

Prima di tutto si devono avere più di 21 anni, così, insomma, sperano di avere solo persone mature tra i propri utenti. Secondo poi per entrare occorre avere un profilo Facebook approvato, una sorta di carta d’identità digitale che conferma chi siamo e permette di ritrovarci in caso di uso fraudolento. C’è poi la conferma tramite numero di cellulare, la Sim infatti può essere usata per rintracciare le nostre generalità e da ultimo, e più importante, c’è la moderazione dei commenti. Quelli positivi vengono pubblicati in automatico, quelli negativi invece vengono passati al vaglio dell’app.

Leggi l’articolo integrale

Visite: 20