«Le App educative non servono ma non sono dannose, meglio un libro»

Corriere della Seradi Caterina Belloni
La conclusione: i giochi educativi online non hanno i benefici sperati. Peccato, spiegano i ricercatori: perché si tratta di un’occasione sprecata. Nel senso che con i loro colori, suoni ed effetti visivi le app potrebbero davvero diventare uno stimolo. Nella maggior parte dei casi, invece, non succede.

Se per esempio un bambino commette un errore nell’identificare un quadrato e dice che si tratta di un cerchio, la app invece di dirgli che quella figura è un quadrato perché ha i quattro lati uguali, si limita a invitarlo a provare ancora.

Leggi l’articolo integrale

Visite: 153