Pillole 2.0 – Trello

Da quando il concetto di paperless è diventato un approccio standardizzato, è diventata sempre più capillare la diffusione di pratiche lavorative rivolte sempre più spesso a servizi cloud.
Soprattutto nei settori del project management condiviso diventa imprescindibile l’utilizzo di piattaforme per la gestione di progetti che consentano ai gruppi di lavoro, attraverso un continuo monitoraggio, di verificare tempi e risorse di una ben determinata attività (in ambito didattico: PTOF, Piano di Miglioramento, richiesta di un finanziamento, planning di lezioni, etc.).



Tra i tanti prodotti, uno dei primi a essere presentato e ancora oggi molto utilizzato è Trello, un web tool per il project management che consente a strutture di qualsiasi dimensione e tipologie (anche le scuole) di poter gestire e ottimizzare i processi interni.

Con Trello è possibile assegnare compiti a ciascun utente, controllare in tempo reale lo stato di avanzamento dei lavori e iniziare conversazioni per risolvere eventuali punti critici.
Trello si presenta come una bacheca contenente un elenco di schede, disposte in list; ogni scheda può contenere commenti, file allegati, checklists, etichette, date di scadenza.

Una volta aperta una bacheca, tramite un semplice drag and drop, si associano i colleghi alle relative schede: naturalmente ognuno vede la stessa bacheca avendone la medesima visione d’insieme.

Trello funziona in tempo reale, molto velocemente anche grazie al suo sistema di notifiche: dentro l’app, per email, notifiche desktop dal browser o notifiche push sul telefono. Infatti con Trello sono state sviluppate applicazioni per iPhone, iPad, telefoni Android, tablet, smartwatch e table Kindle Fire; inoltre funziona sul web con schermi di ogni dimensione.

Visite: 170

 sabato 10 Novembre 2018
Pillole 2.0
, ,