Quanto è stressante il lavoro dell’insegnante?

Sono tempi duri per chi lavora nelle scuole.
È un’affermazione che non stupisce più nessuno, visti gli innumerevoli casi di umiliazioni, violenze e soprusi che hanno la scuola come scenario e che le cronache riportano ogni giorno.
La professione dell’insegnante e del dirigente scolastico rientra a pieno titolo tra quelle considerate logoranti e a rischio di sfociare nella sindrome da burnout, quello stato di demotivazione e apatia che deriva dal sentirsi esauriti, svuotati da un’attività psicologicamente gravosa.

wired-it-small

Si tratta di un rischio per sua natura collegato a tutti i lavori che rientrano nelle cosiddette professioni d’aiuto (helping professions, in inglese), nelle quali si presta assistenza a qualcuno o si mettono le proprie competenze al servizio di altre persone: è il caso di medici, psicologi, infermieri e molte altre categorie di lavoratori come, appunto, presidi e insegnanti.
Il continuo contatto con altre persone bisognose di attenzione e la necessità di mettere le proprie esigenze in secondo piano per dedicarsi agli altri, mantenendo la necessaria disponibilità e lucidità, può essere a lungo andare molto logorante per il lavoratore.

(foto: Getty Images)

Visite: 142