Dispersione scolastica implicita e NEET, un’ingiustizia generazionale

Non riuscire a comprendere il significato di un testo scritto, non saper svolgere un ragionamento logico e non saper fare un semplice calcolo aritmetico rappresenta un dramma non solo per il sistema di istruzione e per lo sviluppo economico, ma per la tenuta democratica di un Paese.

https://alleyoop.ilsole24ore.com/wp-content/uploads/sites/106/2022/05/group-schoolkids-looking-smartphones-768x432.jpg

La dispersione scolastica implicita in Italia si traduce con una percentuale preoccupante.
I dati non migliorano se si sale di età. Sono infatti il 23,1% nella fascia di età dai 15 ai 29 anni, i “NEET Not in Employment, Education or Training”, per i quali l’Italia detiene un triste primato a livello europeo.

I più colpiti sono gli studenti delle famiglie più povere, quelle che vivono al sud e quelle con background migratorio. Anche la dispersione scolastica vera e propria, cioè i giovani che non raggiungono un titolo di studio oltre il diploma di terza media, si mantiene, pur con lievi miglioramenti.

Visite: 37

 mercoledì 15 Giugno - 2022
Scuola
, ,